“Pillole” Umbria-Marche #9_2019

Lug 03, 2019 by gef in  Uncategorized

Brunello Cucinelli scala la classifica dei Paperoni. Forbes: superati Moratti e Della Valle
Il re umbro del cashmere con 1,6 miliardi di dollari passa dal 33° al 24° posto in Italia e al 1425° nel mondo. Brunello Cucinelli si scopre essere sempre più ricco e sempre più in alto tra i ricchi del pianeta e anche in Italia scalando posizioni nella World’s Billionaires, la classifica stilata della rivista americana Forbes, che ha appena pubblicato la sua edizione 2019. Il patrimonio personale dell’imprenditore di Solomeo viene valutato quest’anno 1,6 miliardi di dollari, piazzandolo al 1.425° posto nel mondo, in crescita rispetto a 1,51 dello scorso anno, quando era 1.586°.

Caos Astaldi, manifestazione con Tir lumaca sulla Perugia-Ancona
Giovedì 7 marco un corteo di Tir e mezzi di lavoro partiranno da Fossato di Vico e percorreranno la SS76 in direzione Serra S. Quirico per poi dirigersi verso Fabriano. Saranno inevitabili i disagi che si creeranno a partire dalle 8.30, lungo il tracciato della Perugia-Ancona nella zona di confine tra Umbria e Marche. A protestare le imprese danneggiate dalla crisi della Astaldi a causa dei mancati pagamenti dei lavori effettuati per la Quadrilatero per oltre 40 milioni di euro. Insieme a loro, ci saranno i lavoratori. Un fronte compatto che chiede aiuto alle istituzioni. Al termine del corteo, alle 11.30 circa, a Fabriano si svolgerà un’ assemblea pubblica nella Sala consiliare dell’Unione Montana dell’Esino-Frasassi (via Dante 268).

Reddito di cittadinanza, in Umbria partenza ordinata. Regione: «Senza intesa rischio caos»
Niente file agli uffici postali, ma il vicepresidente della Regione Umbria Fabio Paparelli ammonisce: «Pronti ma serve dialogo».
Partenza ordinata, senza assalti: c’era curiosità anche in Umbria sul primo giorno di presentazione delle domande per il Reddito di cittadinanza, ma gli uffici postali hanno visto un’attività vicina a quella di tutti i giorni. La possibilità di fare per via informatica e la necessità ancora di compilare i moduli non hanno portato alle code che qualcuno temeva. In primis le Poste stesse, che con cartelli hanno invitato a presentarsi scaglionandosi secondo la lettera iniziale del proprio cognome.

Ancona, l’Ue dice sì ai 25 milioni della Regione per salvare l’aeroporto
Sospiro di sollievo per l’aeroporto delle Marche “Rafaello Sanzio” e per Aerdorica: la Commissione Europea ha detto sì agli aiuti pubblici per 25 mln di euro da parte della Regione.
Aerdorica (vedi report su IoValuto), che dà lavoro a un centinaio di persone, versa in stato di insolvenza. Dopo un salvataggio autorizzato nel giugno 2017, lo Stato italiano ha notificato alla Commissione il piano per ristrutturare la società. Per le regole Ue sugli aiuti di Stato, le imprese che versano in difficoltà finanziarie possono ricevere aiuti pubblici solo per raggiungere l’obiettivo di ripristinare la sostenibilità a lungo termine dell’attività e sulla base di determinate condizioni. La Regione Marche fornirà 25 milioni di euro, mentre altre risorse arriveranno da soggetti privati, tra cui 15 milioni da Njord Adreanna (una srl creata dalla società britannica di private equity Njord Partners, con sede a Londra) che dovrebbe prendere il controllo di Aerdorica. Per la Commissione, gli aiuti rispettano le linee guida Ue sugli aiuti di Stato.

Venerdì 8 marzo, presso la Mole Vanvitelliana di Ancona l’evento “Closing the loop – Promuovere l’economia circolare nelle Marche”
Coniugare sviluppo economico sostenibile e competitività, investendo sull’innovazione tecnologica e su un uso efficiente delle risorse. Punta a questa finalità il sistema dell’economia circolare che la Commissione Europea sostiene per migliorare la competitività dell’Europa. Un tema che viene promosso, annualmente, con una settimana di iniziative dedicate, Eu Industry Week, in tutti gli Stati dell’Unione. Accanto all’evento principale di Bruxelles (Eu Industry Day), si svolgono, contemporaneamente, appuntamenti locali. Closing the loop – Promuovere l’economia circolare nelle Marche, è uno degli eventi italiani e l’unico marchigiano in programma. Promosso dalla Regione Marche insieme alla Fondazione Cluster Marche ed Eurocube.

 

 

Experiencing FOOD & PET in programma il 18 aprile 2019

(Fonte: IoConosco.it, IoValuto.it)___________________________________________________________________________________________________

Maggiori informazioni sull’ Annuario Economico Umbria-Marche 2019-2020

Programma 2019 Forum ESG89

L’articolo “Pillole” Umbria-Marche #9_2019 proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
“Pillole” Umbria-Marche #9_2019

Grifal S.p.A. approva il Bilancio con numeri in forte crescita

Mar 04, 2019

Il Consiglio di Amministrazione di Grifal SpA (consulta IoValuto per conoscere il fatturato di questa azienda), ha approvato il bilancio 2018, che si chiude con una crescita del fatturato del +10% e dell’EBITDA del +19%.
E’ stato approvato anche il Piano Industriale 2019-2020 che recepisce le più che positive indicazioni del mercato nella richiesta di imballaggi ecocompatibili, prevedendo un rafforzamento sul mercato con ricavi al 2020 pari a Euro 24.454 Migliaia ed EBITDA Euro 3.610 migliaia con un EBITDA Margin pari al 15%.

Fabio Gritti, Presidente e Amministratore Delegato di Grifal ha così commentato:“L’esercizio chiuso al 31 Dicembre 2018 è il cinquantesimo nella storia della nostra società. Una storia che ha visto la originaria Grifal Snc diventare una Società di capitali, prima Srl poi Spa ed infine accedere al mercato dei capitali con la quotazione lo scorso Giugno sul mercato AIM. Anche l’esercizio 2018 si chiude positivamente sia nei numeri, ma ancora di più nelle prospettive che si confermano di un‘ulteriore importante crescita. La rinnovata coscienza generale della necessità di uno sviluppo sostenibile focalizza l’attenzione delle migliori aziende utilizzatrici di imballaggi sui nostri prodotti ed in particolare su cArtù”.

I Ricavi sono stati inferiori del 6,5% rispetto a quanto previsto nel documento di ammissione (Euro 18.572 migliaia), ma in crescita di quasi il 10% rispetto all’analogo periodo dell’anno 2017. La diminuzione dei ricavi è principalmente riconducibile al rallentamento economico che ha portato alcuni clienti a ritardare il lancio di nuovi prodotti, già destinati ad essere commercializzati con le soluzioni di imballo di Grifal. La necessità di sostituire le plastiche per l’imballaggio con un’alternativa ecosostenibile e riciclabile come cArtù è sempre più evidente: il mercato del packaging (31,7 miliardi in Italia e 616 miliardi nel mondo) cresce infatti costantemente, circa del 3% anno su anno, anche a seguito dell’aumento esponenziale delle vendite effettuate tramite il canale e-commerce.

In aprile 2018 la Società ha ottenuto il riconoscimento di PMI Innovativa e nel corso dell’anno è stata costituita in Germania la società Grifal GmbH (conoscila su IoValuto), partecipata al 100%, con la quale si intende sviluppare il principale mercato del packaging a livello europeo e tra quelli maggiormente interessati all’introduzione di una soluzione ecocompatibile quale è cArtù.
Si è inoltre proceduto con l’acquisizione di una partecipazione del 15% in Buxkin BV (consulta tutte le informazioni approfondite), una società di diritto Olandese, attiva nel settore della correzione acustica degli ambienti, che commercializza materiali riciclati ed ecocompatibili (realizzati da Grifal), di grande impatto estetico grazie alla loro superficie ondulata.
Da Marzo 2019 Grifal figura (unica in Italia) nell’Amazon Packaging Support and Supplier Network (APASS).

Il Piano Industriale 2019-2020 recepisce le più che positive indicazioni del mercato nella richiesta di imballaggi ecocompatibili. Si è infatti deciso di anticipare un upgrade delle linee di produzione cArtù che non solo triplicherà la velocità di produzione, ma ridurrà di circa un terzo il costo delle materie impiegate: il nuovo piano prevede comunque una crescita dei Ricavi delle Vendite nel periodo 2019-2020 mediamente del 18,8%.

Grifal S.p.A. è un’azienda tecnologica, attiva nel mercato del packaging industriale, che progetta e produce imballaggi performanti ed eco-compatibili. Grazie ai costanti investimenti in R&S, dedicati sia ai prodotti sia ai processi produttivi brevettati e realizzati in house, Grifal ha arricchito negli anni la propria offerta con prodotti innovativi, tra cui Mondaplen® e cArtù® (2017); quest’ultimo è un rivoluzionario cartone ondulato in grado di sostituire le plastiche e gli altri prodotti chimici per l’imballo. Grifal è attiva anche nella progettazione e produzione di macchine per l’ondulazione. La strategia di Grifal prevede l’affermazione di cArtù® come nuovo standard di imballaggio eco-compatibile attraverso l’apertura in Italia ed all’estero di Centri di Distribuzione Integrati “door to door” con i maggiori clienti utilizzatori e con i partner trasformatori e lo sviluppo del canale di vendita on-line.

 

 

Experiencing FOOD & PET in programma il 18 aprile 2019

The Best Umbria e Marche in programma il 10 maggio 2019

(Fonte: IoConosco.it, IoValuto.it)
__________________________________________________________________________________________________

Maggiori informazioni sull’ Annuario Economico Umbria-Marche 2019-2020

Programma 2019 Forum ESG89

L’articolo Grifal S.p.A. approva il Bilancio con numeri in forte crescita proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Grifal S.p.A. approva il Bilancio con numeri in forte crescita

Gli effetti della Brexit sugli scambi commerciali UK-UE

Set 07, 2018

Grazie al recente studio di Atradius possiamo apprezzare quelli che sono gli effetti della Brexit nei rapporti commerciali tra Regno Unito ed Unione Europea

In momenti in cui si paventano estemporanee uscite dall’Unione Europea diventa fondamentale conoscere la situazione di chi quella scelta l’ha già presa e si sta incamminando verso il distacco effettivo che avverrà ufficialmente il 29 marzo 2019.

La decisione è stata presa dai sudditi di Sua Maestà il 23 giugno 2016: il 51,9% ha votato Leave, spesso senza neanche conoscere realmente cosa comportasse tale decisione, come testimonia il picco delle ricerche su Google riguardanti gli effetti della Brexit successivo alla votazione.

Come ampiamente previsto la sterlina si fortemente deprezzata, comportando una debolezza del potere d’acquisto del Regno Unito, ma potenziandone le esportazioni.

L’export UK verso l’Unione Europea è cresciuto del 6,8%, le importazioni dalla UE solo dello 0,9%; si stima che tale crescita delle esportazioni si stabilizzerà nel corso del 2018 e del 2019, così come le difficoltà degli esportatori europei. Le esportazioni del Regno Unito hanno raggiunto il punto più alto dal 2012 e lo stallo dei negoziati UE/UK porterà ancora verso il basso la sterlina, quindi la stabilizzazione della crescita non significherà affatto una sua drastica diminuzione.

I beni esportati dal Regno Unito verso l’Unione Europea rappresentano il 48% del totale, quelli dalla UE verso l’UK il 16%. Con questo volume ogni complicazione risultante dalla Brexit comporterà barriere per il commercio, siano esse tariffarie (formali) o risultanti da lungaggini (sostanziali).

Se confermato, il periodo di transizione potrebbe estendere lo status quo fino a dicembre 2020.

Belgio, Paesi Bassi e Irlanda sono le economie più vulnerabili in termini di dipendenza dalle esportazioni verso il Regno Unito; Germania e Francia invece sono gli Stati che maggiormente vi esportano in termini di volume.

Il settore produttivo europeo più a rischio a causa della Brexit è quello dei mezzi di trasporto, seguono quello alimentare ed il tessile.

L’articolo Gli effetti della Brexit sugli scambi commerciali UK-UE proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Gli effetti della Brexit sugli scambi commerciali UK-UE

La Perugina lancia la nuova offerta di cioccolatini: Kitkat a forma di coniglio e “Granellati”

Ago 11, 2019

Proposte sia per il mercato italiano che per il mercato estero, hanno impiegato 613 dipendenti più gli stagionali.

3 anni fa la profonda crisi della perugina, con una forte riduzione del personale ed oggi, dopo 3 anni, finalmente il piano di rilancio; la Nestlè porta infatti allo stabilimento di San Sisto due prodotti del tutto nuovi per un volume di oltre 1.250 tonnellate aggiuntive. La multinazionale ha annunciato l’immissione nel mercato dei due prodotti di cui sopra in una conferenza stampa in contemporanea a Milano e a Perugia.

I due prodotti presentati sono i “Granellati”, già immessi nel mercato, e i “Coniglietti”  che verranno commercializzati a partire dalla prossima Pasqua.

Per quanto riguarda i primi ne troveremo di 4 diversi gusti (nocciola tostata, semi di cacao, caramello salato e arancia intensa) e sono pensati per il mercato italiano, francese e spagnolo ed avranno un volume previsto di 250 tonnellate annue.
I  secondi, invece, avranno il sapore del classico Kitkat ma saranno a forma di coniglietto; per questo si prevede un volume annuo di oltre 1000 tonnellate. Questo prodotto, come il precedente, è stato pensato anche per il mercato straniero, in questo caso principalmente in Canada.

L’investimento totale per il lancio dei nuovi prodotti è stato di circa 1 milione di euro e saranno utilizzati tutti i 613 dipendenti  dello stabilimento di San Sisto, cui saranno affiancati anche dei dipendenti stagionali in base al periodo. Non ci saranno dunque nuove assunzioni per il momento, ma, qualora i prodotti andassero particolarmente bene, non è da escluderlo per il futuro.

“Il nostro obiettivo primario” commenta Bruno Emmenegger “è quello di aumentare l’export, che è già oltre il 44% delle vendite totali e che è destinato a crescere e diventare sempre più protagonista del mercato”.
Oltre ai nuovi prodotti, Nestlè sta lavorando anche sul suo prodotto di punta: i Baci Perugina. A breve cambierà infatti l’incarto e verranno aggiunte frasi più moderne in grado di dare voce a quelle sfaccettature dell’amore contemporaneo. Le frasi sono già state tradotte in varie lingue, tra cui Cinese, Arabo, Inglese Francese e Portoghese. La sfida più grande sarà quella per cercare di mantenere intatta la ricetta originale, con solo 8 prodotti di origine naturale.

Il Bacio Perugina viene oggi esportato in 55 paesi del mondo e l’altra grande sfida è quella di andare incontro alle aspettative del consumatore: ecco allora che l’azienda lavora per creare delle experience di marca che partono dal digital per poi far vivere la creazione di Baci sul punto vendita nella sua artigianalità, con demo e calligrafi che regalano messaggi personalizzati. Per questo si sta lavorando su packaging ad hoc, ad esempio quello per il Ramadan nel Medio Oriente o la festa della mamma in Russia.
Se vuoi conoscere meglio il sistema economico umbro e le eccellenze del territorio vieni al GLOCAL ECONOMIC FORUM ESG89 dal 13 al 15 novembre.

Tieniti aggiornato su www.esg89forum.it/glocal-2019

L’articolo La Perugina lancia la nuova offerta di cioccolatini: Kitkat a forma di coniglio e “Granellati” proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
La Perugina lancia la nuova offerta di cioccolatini: Kitkat a forma di coniglio e “Granellati”

Leave a Comment