“Pillole” Umbria-Marche #18_2019

Nov 07, 2019 by gef in  Uncategorized

L’export marchigiano vola grazie al settore nautico
Nel primo trimestre del 2019 le esportazioni di mezzi di trasporti nautici aumentano a dismisura passando da 39 a 246 milioni di euro.
Sopra la media italiana che ha riscontrato un +2% rispetto allo scorso anno, le Marche si attestano al +5,8%.
La crescita delle esportazioni nei primi tre mesi dell’anno, secondo la Cna Marche, “non deve illuderci, perché togliendo il dato dei mezzi di trasporto e in particolare della nautica saremmo in territorio negativo e soprattutto perché sono ancora al palo i nostri settori manifatturieri tradizionali come la meccanica, la moda e il mobile”.
Riguardo agli altri settori crescono anche le esportazioni dei prodotti in legno, carta, prodotti alimentari e in metallo. Stabile invece il settore della meccanica.

Economia marchigiana: in quale direzione si dirige?
Un’indagine dettagliata dal Centro Studi Economia e Territorio ha cercato di rispondere a questa domanda per analizzare i possibili nuovi scenari.
Risultati dello studio sono stati riportati durante il convegno “Prospettive economiche – Quale Futuro per l’economia marchigiana” che si è tenuto il 27 giugno 2019 a cui hanno presieduto il Consigliere Regionale Mirco Carloni, Gabriele Alunno Magrini, direttore Banca d’Italia di Ancona ed economisti ed esperti finanziaria provenienti dal mondo accademico.
“Questo evento sarà per noi molto importante” commenta poco prima dell’inizio del convegno Jacopo Frattini, Presidente dell’associazione culturale Centro Studi Economia e Territorio, che continua “è molto significativo perché avremo diverse realtà a confronto e solo tramite il confronto è possibile avere un quadro generale della situazione..Nessun’idea è assoluta, ogni parere è importante e ci può aiutare a capire meglio come affrontare il prossimo futuro”.
Le attenzioni durante il convegno sono andate esclusivamente all’analisi della situazione economia attuale e sulle possibile vie future, il tutto nella speranza che vengano prese decisioni importanti per la società e l’economia della regione.

Vuoi conoscere le aziende che superano la crisi nelle marche?

Il settore costruzioni in Italia vede una ripresa dopo la brusca frenata dell’ultimo decennio
I dati del primo trimestre del 2019 sono infatti incoraggianti, con una crescita della produzione rispetto al 2018 e lo stesso trend sembra avere la regione marche. Molto di questo risultato si deve anche alle ristrutturazioni post-sisma nonostante in quelle zone ci sia stato un drastico calo delle imprese.
Questo è il quadro che emerge dal 5° rapporto dell’Osservatorio CEDAM.
“Dal rapporto emergono molte buci e qualche ombra” commenta il presidente CEDAM Antonio Mastrovincenzo, che continua “per quanto riguarda l’area del cratere credevamo ci fosse una più costante ripresa… Dovremmo lavorare molto di più sugli investimenti per aiutare le imprese a rilanciarsi…Tuttavia un segnale di ripresa c’è, ed è proprio da lì che dobbiamo ripartire”.

L’articolo “Pillole” Umbria-Marche #18_2019 proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
“Pillole” Umbria-Marche #18_2019

“Pillole” Umbria-Marche #11_2019

Gen 01, 1970

Umbria-Marche, attivarsi per Astaldi
Marini e Ceriscioli scrivono a Premier, Ministri e Anas per “attivare una procedura ‘straordinaria’ a sostegno delle numerose imprese del territorio umbro-marchigiano coinvolte nella crisi Astaldi (consulta i report aziendali delle imprese coinvolte su IoValuto), con rischio di continuità aziendale”: lo chiedono al Governo i presidenti delle Regioni Marche e Umbria, Luca Ceriscioli e Catiuscia Marini in una lettera congiunta al presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, ed ai Ministri per le infrastrutture, Danilo Toninelli, dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, ed al presidente di Anas, Claudio Andrea Gemme. In essa ricordano che “i crediti ammontano a circa 40 milioni di euro, con evidenti ripercussioni sull’intera rete economica locale, già significativamente compromessa dal sisma”. “Si rendono necessari – aggiungono – ulteriori e più incisivi interventi economici a sostegno di un tessuto imprenditoriale di primaria importanza per le infrastrutture locali attraverso l’istituzione di un fondo specifico che tuteli queste situazioni, così come è già stato fatto a tutela di altri comparti imprenditoriali”.

Metalli, abbigliamento e agricoltura trainano l’export dell’Umbria: 336 milioni in più nel 2018
I dati dell’Istat: nell’ultimo anno crescita dell’8,7%, vendute merci all’estero per un valore di 4,2 miliardi di euro. È soprattutto grazie all’acciaio ternano (ottieni tutte le informazioni relative alle acciaierie ternane nell’ultima edizione dell’Annuario Economico Umbria-Marche) che l’Umbria nel 2018 si segnala come una delle regioni più dinamiche sul fronte dell’export. Secondo il report pubblicato martedì dall’Istat, l’Umbria ha fatto segnare nel corso dell’ultimo anno un +8,7% che, in termini assoluti, significa un incremento di 336 milioni di euro, dai 3,876 miliardi del 2017 ai 4,212 dell’anno seguente. Nel 2017 l’aumento delle esportazioni era stato del 6,4% mentre nel corso dell’anno che si è chiuso da poco, come si può vedere dalla cartina dell’Istat la provincia di Terni fa segnare un aumento superiore al 9,5%, dovuto come logico all’acciaio, il cui peso influisce in modo determinante sul dato regionale.

Quadrilatero, entro aprile i cantieri tra Umbra e Marche potrebbero ripartire a pieno regime. Giovedì incontro a Fabriano tra Astaldi e i sindacati
Entro la fine di marzo il riavvio preliminare del cantiere ed entro il mese successivo la ripartenza a pieno regime, con nuovo cronoprogramma, per ultimare il progetto Quadrilatero. È questo il percorso di cui si è discusso giovedì a Fabriano (consulta l’Annuario Economico di Umbria e Marche se vuoi conoscere la classifica delle top 20 società fabrianesi) durante un incontro tra i sindacati di categoria e il contraente generale Astaldi. A più riprese nel corso degli ultimi mesi da parte di istituzioni, lavoratori e mondo imprenditoriale è stata chiesta la ripartenza dei cantieri fra Marche e Umbria e il pagamento delle spettanze alle imprese.

Legacoop Marche, domani il 15° congresso
Rivoluzioni Cooperative: imprese di persone che generano comunità e persone (consultale su IoValuto). Questo il filo conduttore del 6° Congresso di Legacoop Marche, che si svolgerà venerdì 15 marzo, alle 9, all’Hotel Casale di Colli del Tronto (Ascoli Piceno). Un luogo, questo, scelto per testimoniare la vicinanza dell’associazione a tutto il territorio colpito dal terremoto del 2016 e per promuovere un confronto su come la cooperazione possa rappresentare un modello economico e sociale per la rinascita post sisma.

Marche, Confartigianato chiede misure contro desertificazione centri urbani
Misure urgenti per contrastare la desertificazione commerciale dei nostri centri urbani. E’ quanto chiedono gli imprenditori del Comitato territoriale di Confartigianato che si è riunito ad Ancona (scopri quanto fatturano le principali società di capitali presenti sul capoluogo marchigiano) alla presenza del Segretario Generale Marco Pierpaoli, del presidente e responsabile territoriale Paolo Longhi e Luca Casagrande. Una problematica che tocca sia il capoluogo dorico che i comuni del comprensorio, legata ad una crescente percezione di insicurezza, all’impoverimento del ruolo e del valore sociale dei centri commerciali naturali e più in generale ad un peggioramento della qualità della vita.

Spoleto perde anche DeGusto: trasloca altrove la due giorni dedicata al Trebbiano doc. Tre comuni si fanno avanti per accoglierli
Spoleto perde anche DeGusto, la due giorni di giugno dedicata al Trebbiano spoletino (report delle aziende vinicole coinvolte su IoValuto) e dal 2017 di scena al complesso monumentale di San Nicolò. La terza edizione, però, si svolgerà in un altro comune dell’areale della Doc, anche se sarebbero tre i comuni che hanno formalmente manifestato interessamento, come hanno reso noto in queste ore gli organizzatori Fabrizio Gentili e Luigi Catana, dopo aver preso atto, a seguito di «incontri sia con l’assessore Ada Urbani che col sindaco Umberto De Augustinis, che non ci sono le condizioni affinché l’amministrazione possa supportare l’evento».

Experiencing FOOD & PET in programma il 18 aprile 2019

(Fonte: IoConosco.it, IoValuto.it)___________________________________________________________________________________________________

Maggiori informazioni sull’ Annuario Economico Umbria-Marche 2019-2020

Programma 2019 Forum ESG89

L’articolo “Pillole” Umbria-Marche #11_2019 proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
“Pillole” Umbria-Marche #11_2019

La perla più antica del mondo scoperta ad Abu Dhabi

Apr 11, 2019
Un nuovo tesoro inestimabile in arrivo allo Zayed National Museum: è stata infatti ritrovata una perla risalente a circa 8mila anni fa

La perla è stata scoperta grazie al lavoro degli archeologi , avvenuti durante gli scavi dell’isola di Marawah, al largo della costa di Abu Dhabi, durante lavori nel sito archeologico di età neolitica.
Grazie al radiocarbonio è stato possibile scoprire la datazione della perla, che ha origine tra il 5800 e il 5600 a.C.  e questo è una conferma del fatto che le perle sono utilizzate negli Emirati Arabi già da diversi millenni.
Da sempre considerate elementi preziosi, le perle vengono utilizzare ancora oggi per l’ornamento nella categoria di lusso e proprio come simbolo di lusso, la perla (denominata Perla di Abu Dhabi) sarà messa in mostra al Louvre Abu Dhabi, 10.000 Years of Luxury, in programma dal 30 ottobre 2019 al 18 febbraio 2020.

La perla di Abu Dhabi è indubbiamente un reperto straordinario che testimonia la nostra antica storia e il forte legame con il mare già nei tempi antichi. Questa è una dimostrazione di come la nostra storia economica recente abbia in realtà profonde radici della preistoria. L’isola di Marawah, inoltre, è uno dei siti più preziosi ed importanti del mondo” commenta SE Mohamed Khalifa Al Mubarak, Chairman DCT Abu Dhabi.

Il prossimo evento in programma negli Emirati Arabi è l’Expo di DUBAI2020: Il Blue Green Region ECONOMIC FORUM sarà un ponte per le imprese umbre e marchigiane

L’articolo La perla più antica del mondo scoperta ad Abu Dhabi proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
La perla più antica del mondo scoperta ad Abu Dhabi

“The Best Economic Forum ESG89” a Fabriano: quattro tavole rotonde per nuove vie di sviluppo

Lug 05, 2019

(Nella foto: da sinistra Barbara Pagnoncelli, Gabriele Santarelli, Giovanni Giorgetti)

Fabriano – Venerdì 10 maggio, dalle 9,30 alle 19,30, al Resort Marchese del Grillo spazio al convegno, aperto a tutti, “The Best Economic Forum ESG89 – Umbria e Marche”, il prestigioso appuntamento ideato da ESG89 Group giunto alla decima edizione. Nella città della carta analisi e approfondimenti sulle migliori performance imprenditoriali delle regioni di Umbria e Marche. “Il 10 maggio – riferisce Giovanni Giorgetti, Presidente Esg89 group – sarà il giorno dedicato alla conoscenza delle società più performanti, invitate a confrontarsi in un contesto parecipativo aperto a tutti gli attori del panorama economico nazionale e internazionale”. Il Forum si terrà a Fabriano presso il Resort Il Marchese del Grillo e si concentrerà su alcuni temi strategici che verranno approfonditi in quattro forum, due la mattina, due nel pomeriggio: Infrastrutture materiali e immateriali; Importanza della sub-fornitura della meccanica e le strategie per offrire i propri talenti a livello globale; I Fondi Europei per un nuovo modello di sviluppo economico; Start-up e Best Companies, a confronto i nuovi imprenditori con quelli di successo per superare gli ostacoli dei primi anni di vita dell’impresa.

L’evento, voluto a Fabriano dall’assessore Barbara Pagnoncelli, è aperto a tutti. “Invito la cittadinanza – ha detto questa mattina, 7 maggio, in conferenza stampa – a partecipare. Il nostro obiettivo è quello di lavorare sempre più in sinergia tra Marche e Umbria”. Il sindaco, Gabriele Santarelli, ha invitato anche le scuole ad intervenire venerdì al Marchese del Grillo per i quattro forum dalle 9,30 alle 19,30.

Protagonisti
Nelle sessioni della mattina a partire dalle ore 9.30 si discuterà di “infrastrutture materiali e immateriali” con un focus particolare sulla questione della Quadrilatero e sui collegamenti fra Umbria e Marche. Interverrà, tra gli altri, Guido Perosino, amministratore unico Quadrilatero. A seguire verrà trattato il tema molto sentito nel territorio della Sub-fornitura della meccanica e delle strategie per offrire i propri talenti a livello globale. Ospiti: Letizia Urbani, Meccano e Manuel Romagnoli, Ariston Thermo Group.

Nel pomeriggio la sessione dei lavori riprenderà alle 15,00 con i temi: “I Fondi Europei per un nuovo modello di sviluppo economico” e “Start-up e Best Companies, a confronto i nuovi imprenditori con quelli di successo” per superare gli ostacoli dei primi anni di vita dell’impresa. Presenti, per la Regione Marche, l’Amministratore Unico dell’Agenzia di Sviluppo delle Marche, Gianluca Carrabs SVIM SpA e alcuni top manager e imprenditori di Umbria e Marche che si confronteranno con i giovani talenti.

Giovanni Giorgetti
“Siamo oramai tutti consapevoli – afferma Giovanni Giorgetti Ceo di ESG89 Group e coordinatore dei lavori – che i territori sono il motore di sviluppo per l’economia e, partendo proprio da questa premessa, che bisogna investire e premiare quegli imprenditori che continuano ad investire in Umbria e Marche. Sono ancora, però, troppo poche le imprese che lo fanno e questa sarà la grande sfida del futuro anche in queste aree. E’ necessario difendere l’interesse nazionale e non l’italianità. E’ necessario contrastare gli investimenti predatori di aziende estere che puntano a sottrarre i nostri asset, i nostri brevetti, per poi tornarsene all’estero. Difendere l’interesse nazionale però non dovrà significare contrastare gli investimenti esteri in Italia. Ma stabilire e far rispettare le regole. Un altro tema caldo che sarà affrontato durante il Forum da alcuni docenti universitari sarà quello del credito alle PMI di Umbria e Marche. Si sta assistendo, infatti, ad una sempre più forte concentrazione fra gli istituti di credito ed a una difficoltà quasi insormontabile da parte delle Pmi ad accedere a finanziamenti per la propria attività”.

Programma completo del THE BEST ECONOMIC FORUM

L’articolo “The Best Economic Forum ESG89” a Fabriano: quattro tavole rotonde per nuove vie di sviluppo proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
“The Best Economic Forum ESG89” a Fabriano: quattro tavole rotonde per nuove vie di sviluppo

Leave a Comment