Intesa Sanpaolo rende noto che, nell’ambito dei 100 milioni di euro messi a disposizione della sanità italiana tramite il Commissario Straordinario e la Protezione Civile, 5 milioni sono stati destinati all’Ospedale ASST degli Spedali Civili di Brescia per l’acquisizione di apparecchiature e attrezzature necessarie alla cura dei pazienti Covid-19.

Inoltre, l’importo sostiene l’avvio del progetto internazionale “Birth against Covid” finalizzato alla creazione di nuovi protocolli, test, training e proposte diagnostiche e terapeutiche relative al Coronavirus che consentirà importanti miglioramenti nel campo della diagnostica anti Covid-19.

Il Gruppo bancario si dichiara pienamente disponibile a sostenere la rinascita di Brescia e sta considerando con il Comune e la Diocesi un programma concreto di interventi sul territorio a favore delle fasce deboli e per il rilancio economico della città, avvalendosi anche dello strumento innovativo dei prestiti di impatto.

Carlo Messina, CEO e Consigliere Delegato di Intesa Sanpaolo, commenta: “Brescia è una delle città più colpite da quella che si è rivelata essere un’emergenza sanitaria senza precedenti. Mettere a disposizione la nostra solidità significa tradurre i risultati finanziari in interventi concreti in campo sanitario, sociale ed economico, come avviene per altri territori dove è presente Intesa Sanpaolo. Aiutare Brescia significa aiutare il cuore dell’Italia più produttiva e operosa e la Banca, anche in virtù dei rapporti che la legano alla città, vuole rendersi utile collaborando con il Comune e con la Diocesi in un programma che vada davvero a beneficio di chi ne ha bisogno”.

Intesa Sanpaolo ha inoltre messo a disposizione del progetto #aiutiAMObrescia promosso dal Giornale di Brescia in collaborazione con la Fondazione della Comunità Bresciana onlus, la piattaforma forfunding.it dove tutti possono donare per l’acquisto di apparecchiature di ventilazione assistita e presidi sanitari a favore degli ospedali bresciani e che ha già raccolto 240 mila euro. Nell’ambito di #aiutiAMObrescia, Intesa Sanpaolo è impegnata a sostenere la sanità locale con ulteriori interventi.

Intesa Sanpaolo ha già inserito Brescia, una delle città più colpite dall’emergenza sanitaria, in molti dei suoi programmi benefici. Infatti, nel quadro della sua collaborazione quadriennale con la Fondazione Banco Alimentare, nel 2019 sono recuperati 12 mila kg di alimenti per la distribuzione di 25 mila pasti a 16 mila assistiti attraverso 83 strutture caritatevoli. La Banca sostiene inoltre il progetto Siticibo finalizzato al recupero quotidiano delle eccedenze di cibo cotto e fresco, ma non servito, proveniente dalla ristorazione organizzata (hotel, mense aziendali, refettori scolastici, alberghi, ristoranti) e dai punti vendita della grande distribuzione e alla sua immediata distribuzione con il recupero di ulteriori 2.600 kg di alimenti, 17.400 porzioni distribuite a 5.500 assistiti. Intesa Sanpaolo ha inoltre una partnership quadriennale con la Fondazione Banco Farmaceutico Onlus che ha visto nel febbraio scorso, durante la Giornata di Raccolta dei Farmaci – che si svolge ogni anno in febbraio – raccogliere in 100 farmacie bresciane 11.400 farmaci destinati a 4.200 persone malate che non potevano permettersi di acquistarli. In collaborazione con il Gruppo Calzedonia, 4.000 indumenti intimi sono stati donati a pazienti ricoverati che non riescono a riceverli da casa a causa della quarantena.

Con le attività già svolte e con quelle in via di definizione, Intesa Sanpaolo dimostra in modo concreto il proprio sostegno al territorio di Brescia rimanendo vicina alla comunità territoriale per affrontare e risolvere insieme l’emergenza. Questo impegno rientra nel vasto programma di aiuto nazionale che ha visto il Gruppo come uno dei più grandi donatori in Europa e il maggiore in Italia, un contributo permesso dalla solidità e dalla forza di Intesa Sanpaolo a livello nazionale che da sempre si riverbera sui territori locali dove la Banca è presente.

L’articolo Intesa Sanpaolo, donati 5 milioni agli ospedali civili di Brescia proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Intesa Sanpaolo, donati 5 milioni agli ospedali civili di Brescia

“Pillole” Umbria-Marche #9_2019

Lug 03, 2019

Brunello Cucinelli scala la classifica dei Paperoni. Forbes: superati Moratti e Della Valle
Il re umbro del cashmere con 1,6 miliardi di dollari passa dal 33° al 24° posto in Italia e al 1425° nel mondo. Brunello Cucinelli si scopre essere sempre più ricco e sempre più in alto tra i ricchi del pianeta e anche in Italia scalando posizioni nella World’s Billionaires, la classifica stilata della rivista americana Forbes, che ha appena pubblicato la sua edizione 2019. Il patrimonio personale dell’imprenditore di Solomeo viene valutato quest’anno 1,6 miliardi di dollari, piazzandolo al 1.425° posto nel mondo, in crescita rispetto a 1,51 dello scorso anno, quando era 1.586°.

Caos Astaldi, manifestazione con Tir lumaca sulla Perugia-Ancona
Giovedì 7 marco un corteo di Tir e mezzi di lavoro partiranno da Fossato di Vico e percorreranno la SS76 in direzione Serra S. Quirico per poi dirigersi verso Fabriano. Saranno inevitabili i disagi che si creeranno a partire dalle 8.30, lungo il tracciato della Perugia-Ancona nella zona di confine tra Umbria e Marche. A protestare le imprese danneggiate dalla crisi della Astaldi a causa dei mancati pagamenti dei lavori effettuati per la Quadrilatero per oltre 40 milioni di euro. Insieme a loro, ci saranno i lavoratori. Un fronte compatto che chiede aiuto alle istituzioni. Al termine del corteo, alle 11.30 circa, a Fabriano si svolgerà un’ assemblea pubblica nella Sala consiliare dell’Unione Montana dell’Esino-Frasassi (via Dante 268).

Reddito di cittadinanza, in Umbria partenza ordinata. Regione: «Senza intesa rischio caos»
Niente file agli uffici postali, ma il vicepresidente della Regione Umbria Fabio Paparelli ammonisce: «Pronti ma serve dialogo».
Partenza ordinata, senza assalti: c’era curiosità anche in Umbria sul primo giorno di presentazione delle domande per il Reddito di cittadinanza, ma gli uffici postali hanno visto un’attività vicina a quella di tutti i giorni. La possibilità di fare per via informatica e la necessità ancora di compilare i moduli non hanno portato alle code che qualcuno temeva. In primis le Poste stesse, che con cartelli hanno invitato a presentarsi scaglionandosi secondo la lettera iniziale del proprio cognome.

Ancona, l’Ue dice sì ai 25 milioni della Regione per salvare l’aeroporto
Sospiro di sollievo per l’aeroporto delle Marche “Rafaello Sanzio” e per Aerdorica: la Commissione Europea ha detto sì agli aiuti pubblici per 25 mln di euro da parte della Regione.
Aerdorica (vedi report su IoValuto), che dà lavoro a un centinaio di persone, versa in stato di insolvenza. Dopo un salvataggio autorizzato nel giugno 2017, lo Stato italiano ha notificato alla Commissione il piano per ristrutturare la società. Per le regole Ue sugli aiuti di Stato, le imprese che versano in difficoltà finanziarie possono ricevere aiuti pubblici solo per raggiungere l’obiettivo di ripristinare la sostenibilità a lungo termine dell’attività e sulla base di determinate condizioni. La Regione Marche fornirà 25 milioni di euro, mentre altre risorse arriveranno da soggetti privati, tra cui 15 milioni da Njord Adreanna (una srl creata dalla società britannica di private equity Njord Partners, con sede a Londra) che dovrebbe prendere il controllo di Aerdorica. Per la Commissione, gli aiuti rispettano le linee guida Ue sugli aiuti di Stato.

Venerdì 8 marzo, presso la Mole Vanvitelliana di Ancona l’evento “Closing the loop – Promuovere l’economia circolare nelle Marche”
Coniugare sviluppo economico sostenibile e competitività, investendo sull’innovazione tecnologica e su un uso efficiente delle risorse. Punta a questa finalità il sistema dell’economia circolare che la Commissione Europea sostiene per migliorare la competitività dell’Europa. Un tema che viene promosso, annualmente, con una settimana di iniziative dedicate, Eu Industry Week, in tutti gli Stati dell’Unione. Accanto all’evento principale di Bruxelles (Eu Industry Day), si svolgono, contemporaneamente, appuntamenti locali. Closing the loop – Promuovere l’economia circolare nelle Marche, è uno degli eventi italiani e l’unico marchigiano in programma. Promosso dalla Regione Marche insieme alla Fondazione Cluster Marche ed Eurocube.

 

 

Experiencing FOOD & PET in programma il 18 aprile 2019

(Fonte: IoConosco.it, IoValuto.it)___________________________________________________________________________________________________

Maggiori informazioni sull’ Annuario Economico Umbria-Marche 2019-2020

Programma 2019 Forum ESG89

L’articolo “Pillole” Umbria-Marche #9_2019 proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
“Pillole” Umbria-Marche #9_2019

SPORT & ECONOMY, AL GLOCAL ECONOMIC FORUM ESG89 COME A MILANO SI TRATTA DELL’IMPORTANZA DEL FENOMENO

Mag 11, 2019

Sicuramente lo sport è uno dei migliori mezzi per raccontare il mondo e, dunque, i cambiamenti e le evoluzioni in atto possono essere ben comprese se raccontate attraverso le evoluzioni dello sport.
Proprio a tal riguardo a Milano è stata organizzata la IV edizione del “Sport & Business summit”. Tale manifestazione ha confermato il crescente interesse della società verso lo sport e la rilevanza economica del settore ed ha visto protagonisti oltre 300 professionisti ed addetti ai lavori. Il tema principale era la “discontinuità e l’innovazione”, partendo dal focus “Sports Market overview: news trends” a cura di Marco Nazzari.

Da Milano…a Milano-Cortina
La prima tavola rotonda è stata quella che ha interessato Alessandro Araimo (Ad Discovery Italia), Diana Bianchedi (Coordinatrice dossier di candidatura Milano Cortina 2026), Thierry Borra (Founder & Ceo Sport Matters Consulting, Ioc Advisor) e Valerio Giacobbi (Ad Cortina 2021), dove si è parlato dei grandi ed importanti eventi che attendono l’Italia dai mondiali di Sci Alpino (Cortina 8-21 febbraio) ai giochi olimpici invernale (Milano-Cortina 2026).
Importante anche lo sport come riqualificazione urbana, di cui se ne è parlato con Alessandro Ercoli (HPE Aruba System Engineer Manager), introducendo la tavola rotonda «Sport Arenas & Real estate» e a cui hanno testimoniato anche Angelo Giannuzzi (Project development officer del Fulham football club) che ha mostrato i dettagli innovativi dell’iniziativa del club inglese, Giuseppe Rizzello (Project manager Italy Asm Global), Paolo Scaroni (Presidente Ac Milan) e Joe Barone, consigliere delegato della Fiorentina.

Infine gli interventi di Michele Uva (vicepresidente della Uefa), Guy-Laurent Epstein (Direttore marketing Uefa) con il tema dal titolo “Challenges for european football in a changing media landscape”.
L’ultima tavola rotonda è stata moderata dal conduttore di Radio24 Giovanni Capuano e sono intervenuti Luigi De Siervo (Ad Lega Serie A), Giuliano Giorgetti (Senior content & digital advisor Fifa), Ludovica Mantovani (Presidente Divisione calcio femminile Figc), Andrea Cimbrico Responsabile Area Comunicazione FIR e Marzio Perrelli Executive Vice President Sport Sky Italia per dare il loro contributo all’argomento “Sports & New Consumption trends”.

Un prossimo importante appuntamento su questo tema ci sarà in occasione del Glocal Economic Forum ESG89 con il forum “Sport&Economy”. Relatori Adriano Galliani (Amministratore delegato Associazione Calcio Monza), Alessandra Gallone (Componente Commissione Vigilanza RAI), Domenico Ignozza (Presidente CONI Umbria) e Luigi Repace (Presidente del Comitato regionale umbro della FIGC). Per il programma completo e tutti i relatori invitati: www.esg89forum.it/glocal-2019/

L’articolo SPORT & ECONOMY, AL GLOCAL ECONOMIC FORUM ESG89 COME A MILANO SI TRATTA DELL’IMPORTANZA DEL FENOMENO proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
SPORT & ECONOMY, AL GLOCAL ECONOMIC FORUM ESG89 COME A MILANO SI TRATTA DELL’IMPORTANZA DEL FENOMENO

Un nuovo modello di mobilità sostenibile: la scommessa di ALD Automotive riparte da Perugia

Mar 10, 2018

Una panoramica sull’e-mobility in Umbria e in Italia illustrata da Crescenzo Ilardi, Head of Retail & Customer Assistance di ALD Automotive

Per ALD Automotive è di fondamentale importanza promuovere la diffusione della mobilità sostenibile, e lo fa inaugurando questo 4 ottobre il suo quarto BASE ALD a Perugia presso la concessionaria RomeoAuto. Entrambe le aziende hanno accolto l’iniziativa di ESG89 Group di rilanciare il territorio partendo dalle sue potenzialità, al fine di valorizzarne ogni aspetto, in linea con la filosofia del GlocalEconomic Forum ESG89 – Perugia 2018. I nuovi experiencepoint garantiscono ai clienti alti standard di qualità nell’assistenza, ma anche e soprattutto una consulenza completa a 360° su prodotti e servizi e, dal 4 ottobre, anche l’Umbria potrà vantare la presenza di uno di essi.

Come sostiene Crescenzo Ilardi «L’Umbria, insieme alle Marche, rappresenta una regione centrale all’interno della nostra strategia di diffusione di una nuova mobilità. È il cuore verde dell’Italia e il nostro obiettivo sfidante è quello di mettere a disposizione del territorio, delle imprese, ma anche dei clienti privati, soluzioni di mobilità integrata a basso impatto ambientale».

In vista di ciò, negli ultimi anni il mercato dell’automotive sta attuando un radicale cambiamento nel modo di vivere la mobilità. Il bisogno di muoversi da un posto ad un altro, da una città all’altra non è più legato ad un singolo mezzo o ad un unico modo di spostarsi.

Quello delle PMI rappresenta un mercato ancora largamente di conquista per il noleggio a lungo termine (NLT), dove la prossimità e chiarezza delle proposte sono i driver principali di successo.

E’ in questo contesto che si stanno affermando nuove formule di mobilità slegate dalla proprietà e orientate sempre più al possesso.

Al fine di soddisfare la crescente domanda, i BASE di ALD sono stati progettati per essere veri e propri experiencepoint, nei quali è possibile usufruire di tutta l’esperienza e professionalità degli esperti del settore.

Oltre a quella di Perugia, l’azienda ha stabilito i propri centri anche a Monza, Verona e Napoli. «La presenza di ALD Automotive sul territorio italiano – ha infatti spiegato Ilardi – è un fattore importante per mantenere alta la soddisfazione del cliente e poter cogliere ogni esigenza, ogni cambiamento e poter offrire il nostro contributo alle PMI che sono il centro del sistema economico nazionale».

ALD propone sia soluzioni di alimentazione ibrida, sia veicoli full electric, e lo fa attraverso la partnership con Enel X

Parlando di piccole e medie imprese, emerge la consapevolezza di tali realtà di doversi adeguare alle già menzionate soluzioni alternative di mobilità, attraverso il noleggio a lungo termine ora proposto da ALD con il corporate car sharing.

A tal proposito, vengono in aiuto le parole di Crescenzo Ilardi: «In questo senso è molto rilevante la partnership con Enel X per la promozione e diffusione della mobilità elettrica attraverso il marchio E-go. Il progetto è composto da tre pacchetti pensati per rispondere alle esigenze di un pubblico vasto, dalle grandi realtà corporate alle PMI, dai professionisti alle partite iva, fino ai clienti privati».

 

«La mobilità sostenibile rappresenta una grande occasione per il nostro Paese e per le nostre imprese»

Questa l’opinione di Ilardi che ben si allinea con il programma del Bilaterale Umbria e Marche, in particolar modo con il forum del 13 ottobre incentrato sul turismo. La possibilità che ALD Automotive offre ai suoi clienti di muoversi nel totale rispetto dell’ambiente non potrebbe infatti che generare un outcome positivo anche sui flussi turistici di tutto il tessuto nazionale.

Pensiamo all’Umbria, territorio dal valore inestimabile sia a livello paesaggistico che imprenditoriale. «Proprio per questo motivo – spiega Ilardi – abbiamo deciso di intraprendere insieme al nostro partner BASE ALD e alle istituzioni un progetto che coinvolgerà le strutture legate al turismo per la costruzione di un percorso turistico ad impatto zero sull’ambiente attraverso la creazione di un modello di mobilità con una rete di infrastrutture di ricarica e veicoli elettrici dedicati alla mobilità dei turisti».

Diffondere e stabilire un nuovo modello di mobilità diventa quindi un dovere, nell’ottica di poter assistere a un’evoluzione e un cambiamento definitivi in un Paese in continuo movimento

«Sul fronte infrastrutturale – ha concluso Ilardi – c’è una rinnovata sensibilità sul tema da parte delle istituzioni e dai diversi stakeholder coinvolti, e siamo fiduciosi che innovazione tecnologica e nuovo approccio alla mobilità saranno elementi fondamentali per la diffusione della e-mobility».

ALD Automotive, insieme a BASE ALDeRomeoAutovi aspettanodall’11 al 13 ottobre a Perugia al GlocalEconomic Forum ESG89 per guidarvi verso una nuova mobilità sostenibile!

L’articolo Un nuovo modello di mobilità sostenibile: la scommessa di ALD Automotive riparte da Perugia proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Un nuovo modello di mobilità sostenibile: la scommessa di ALD Automotive riparte da Perugia

Leave a Comment