Le imprese creditrici lanciano un ultimatum a Anas e Quadrilatero: «Non riparte nessun cantiere senza prima pagare gli arretrati, la pazienza è finita, se non ci danno quanto ci spetta faremo come i pastori sardi».

Sa di ultimatum quello lanciato dalle imprese edili umbre e marchigiane che hanno realizzato i lavori lungo la direttrice Perugia-Ancona della Quadrilatero per conto di Astaldi, successivamente entrata in crisi senza pagare loro circa 40 milioni di euro. Per giovedì 7 marzo intanto hanno organizzato una grande manifestazione nella zona dei cantieri rimasti incompleti tra Fossato di Vico e Fabriano. Una protesta «decisa e clamorosa» nella forma pur senza voler creare troppi disagi ai cittadini. È probabile un blocco parziale della circolazione e poi un trasferimento sotto la sede di Quadrilatero a Fabriano.

«Devono partecipare sindacati, associazioni e anche istituzioni – hanno detto nella sede Ance di Perugia durante una conferenza stampa – L’ottimismo che manifesta il governo sul completamento dei lavori è del tutto infondato. Anche se il concordato di Astaldi è stato presentato, non è stato ancora approvato e comunque non si può riprendere a lavorare se le imprese creditrici non vengono pagate».

Come i pastori sardi le imprese chiedono a Anas e Quadrilatero, committenti dei lavori, che facciano una azione «seria e decisiva». «Vogliamo procedure di urgenza come si è fatto per il ponte di Genova – hanno insistito -. La nostra azione è come quella dei pastori sardi, in difesa di tutto il territorio e come loro siamo pronti a tutto».

Experiencing FOOD & PET in programma il 18 aprile 2019

__________________________________________________________________________________________________

Maggiori informazioni sull’ Annuario Economico Umbria-Marche 2019-2020

Programma 2019 Forum ESG89

L’articolo Caos Astaldi, giovedì protesta «clamorosa» su Perugia-Ancona: «Faremo come i pastori sardi» proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Caos Astaldi, giovedì protesta «clamorosa» su Perugia-Ancona: «Faremo come i pastori sardi»

L’Europa fra crescita e concordia

Gen 01, 1970

Relatore e ospite d’onore l’opinionista, scrittore e giornalista DAVIDE GIACALONE

Il Corporate Economic Forum ESG89 che si terrà il prossimo 20 giugno a partire dalle ore 16,30 presso la Sala della Conciliazione del Comune di Assisi

ha l’obiettivo di ascoltare le diverse opinioni degli stakeholder istituzionali, economici e accademici invitati.

Il Sindaco di Assisi Stefania Proietti ha colto con favore l’invito di Giovanni Giorgetti, ceo di ESG89

nell’organizzare questo forum a poche settimane dalla tornata elettorale.

Quale Europa vogliamo? L’Europa dei numeri o dei popoli?
L’Europa ci fa ancora sognare?

L’effetto combinato di un ingente debito pubblico, di un’elevata pressione fiscale e di una crescita deludente, che nell’area Euro dal 1995 ad oggi è stata
pari a quasi la metà di quella registrata negli Stati Uniti, è alla base dei problemi strutturali che stanno offuscando il sogno e la visione dell’Europa di cui abbiamo bisogno.
Il tasso di disoccupazione nell’Eurozona viaggia a livelli preoccupanti, la disoccupazione giovanile è preoccupante.
Dal 2008 al 2015 più di cinque milioni di cittadini dell’Eurozona sono diventati a rischio di povertà o esclusione sociale.
Nel fronteggiare questi problemi, l’Europa si è divisa sui temi cruciali: economici, sociali (incluso il tema dell’immigrazione),
fiscali, industriali ed energetici. Ha spesso adottato un approccio tecnocrate, producendo burocrazia con il risultato di accentuare i
problemi invece di risolverli. E’ un fatto drammatico che oggi la maggioranza degli italiani e degli europei non ripone fiducia nell’Unione.
Eppure, i benefici del progetto comunitario sono evidenti.

Dal dopoguerra ad oggi, L’Europa unita ha contribuito alla pace nel continente.
Per trovare un periodo così lungo di pace in Europa probabilmente bisognerebbe ritornare ai tempi dell’impero romano.
Anche la moneta unica, sebbene oggetto di continuo dibattito, ha prodotto importanti benefici tangibili.
Si pensi ad esempio all’effetto di convergenza sui tassi d’interesse dei debiti sovrani o sugli scambi commerciali intra-Ue.
Adesso però, l’Europa non è immune dal vento di paura e chiusura su se stessi che sembra caratterizzare le società moderne.
La Brexit, e più in generale la sfiducia crescente verso le istituzioni europee, devono farci riflettere su cosa debba essere migliorato.
E’ oggi essenziale definire una strategia per dare piena completezza al progetto europeo e rilanciare l’azione per realizzare il sogno di chi c’era a Roma 60 anni fa.
Anche i cittadini europei devono fare la loro parte: confinare solo alla protesta le proprie delusioni, anche giuste, non serve a molto.
Sta però alla classe politica ridare ai cittadini l’ispirazione e la fiducia che oggi mancano nel progetto europeo.

Per far questo ci vogliono un’ambizione politica forte e un ruolo di guida unito e compatto, che spetta alle nazioni
che credono con convinzione negli ideali europeisti e al loro rilancio. Sessanta anni fa nacque il sogno più bello della storia europea.
Perché continui a vivere, oggi bisogna abbandonare i compromessi e superare gli interessi di parte,
restituendo ai cittadini europei che lo vogliono una visione per il futuro.

L’articolo L’Europa fra crescita e concordia proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
L’Europa fra crescita e concordia

Glocal Economic Forum ESG89 – Perugia 2018: dalla ConferenzaStampa a Foligno le prime impressioni sulla tre giorni incentrata su “la società, l’economia, il valore dei territori”

Gen 01, 1970

La Conferenza Stampa di presentazione del Glocal Economic Forum ESG89 – Perugia 2018 dell’11,12 e 13 ottobre ha portato l’attenzione dei numerosi presenti sull’importanza di discutere del rilancio del sistema economico di Umbria e Marche attraverso un evento unico.

L’incontro è stato presieduto dal CEO di ESG89 Group, Giovanni Giorgetti, insieme a Paolo Bazzica, Presidente della Sezione Territoriale di Foligno di Confindustria Umbria, Gianluca Pesarini, Presidente Confindustria Macerata e Nando Mismetti, Sindaco di Foligno e Presidente della Provincia di Perugia.

«La comunità e le piccole e medie imprese – ha dichiarato Mismetti – non possono avanzare senza adeguati servizi. Nel programma del Glocal Economic Forum ESG89 – Perugia 2018 c’è l’intenzione di trovare elementi di omogeneità senza dover tenere conto dei confini regionali: l’evento fotografa il presente e il futuro di tutti noi».

D’accordo con il Sindaco di Foligno il Presidente di Confindustria Macerata, Gianluca Pesarini: «Il Glocal Economic Forum ESG89 di ottobre ci deve far focalizzare sul rilancio del sistema economico e sociale. Oggi più che mai è necessario sviluppare la cultura nell’impresa: se ci rinforziamo a vicenda, ci sarà sicuramente una crescita, ma per farci sentire dobbiamo avere una voce comune, essere coesi per finalizzare obiettivi comuni».

Lo stesso sentiment è stato espresso da Paolo Bazzica (Bazzica Group), Presidente della Sezione Territoriale di Foligno di Confindustria Umbria.  «L’iniziativa di ESG89 Group è non solo intelligente, ma riterrei anche opportuna. Il progetto è quello di unificarci, non solo negli interessi, ma soprattutto nei valori».

ESG89 Group ha ormai trent’anni di esperienza nel settore economico-finanziario. L’azienda ha costruito delle solide basi per portare la comunicazione tra le imprese ad un livello superiore, grazie al proprio know-how applicato per promuovere la conoscenza e la crescita del settore.

Hashtag di riferimento #GlocalForum2018

Programma completo GLOCAL ECONOMIC FORUM ESG89

 

L’articolo Glocal Economic Forum ESG89 – Perugia 2018: dalla ConferenzaStampa a Foligno le prime impressioni sulla tre giorni incentrata su “la società, l’economia, il valore dei territori” proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Glocal Economic Forum ESG89 – Perugia 2018: dalla ConferenzaStampa a Foligno le prime impressioni sulla tre giorni incentrata su “la società, l’economia, il valore dei territori”

“Pillole” Umbria-Marche #12_2019

Gen 01, 1970

Umbria del vino ancora unita, dopo la Polonia ecco la Germania: al Prowein 27 cantine umbre
Ancora grazie ad Umbria Top prosegue a Düsseldorf il tour europeo unitario denominato ‘Umbria wine experience’. ProWein è una fiera dedicata soltanto ai visitatori specializzati che operano nei settori: Commercio al dettaglio, Commercio estero e all’ingrosso, Gastronomia, Settore alberghiero e Commercio di trasformazione. Quasi 7mila espositori da oltre 60 Paesi (circa 1.700 quelli italiani), una panoramica sul vino unica al mondo, con 60.000 “visitatori business”. All’Umbria viene riservato, ormai dal 2016, uno spazio che si trova nella stessa posizione e all’interno del Padiglione Italia (hall 16F17). Le cantine umbre partecipanti, oltre al Consorzio Tutela Vini Montefalco, sono: Altarocca Organic Wines, Argillae, Cantina Peppucci, Cantina Todini, Cantina Tudernum, Cantine Zanchi, Cardeto, Castello di Corbara, Castello di Montegiove, Catina Goretti, Chiorri, Colle Ciocco, Colle Uncinano, Di Filippo, I Girasoli di Sant’Andrea, Le Cimate, Leonardo Bussoletti, Morami, Roccafiore, Sasso dei Lupi, Scacciadiavoli, Tenuta Bellafonte, Tenuta di Salviano, Tenuta Le Velette, Torre Bisenzio, Terre Margaritelli (vuoi sapere quali sono e quanto fatturano le principali aziende vinicole umbre? consulta IoValuto).

Diminuzione tasso di disoccupazione, Marche le migliori
Il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli esprime grande soddisfazione per i dati Istat sul lavoro del 2018 (media annuale). “Un risultato importante che certifica un 2018 in ripresa per quello che è per noi il settore di priorità assoluta: il mercato del lavoro. Siamo primi per un importante indicatore – dichiara Ceriscioli – . Rispetto al 2017 la Regione Marche è, infatti, prima per miglioramento del tasso di disoccupazione, sceso di 2,5 punti a fronte di un media nazionale di 0,6 punti. Conquistiamo così tre posizioni nella classifica delle regioni italiane. Per quanto riguarda il tasso di disoccupazione, le Marche si confermano meglio di Piemonte, Liguria, Umbria e Lazio. Tra le province marchigiane, sempre sulla disoccupazione, ottimo recupero per Ascoli che si classifica seconda in Italia (consulta l’Annuario Economico di Umbria e Marche se vuoi conoscere la classifica delle top 20 società ascolane), con una diminuzione di 5 punti, rispetto al 2017.

Ast al Mise, convocazione per il pomeriggio dell’8 aprile
Sarà probabilmente confermato lo sciopero proclamato dalle Rsu di Ast (consulta il report aziendale completo) per le giornate di giovedì e venerdì considerate le molteplici ragioni dell’iniziativa, ma intanto l’attesa chiamata al Ministero dello Sviluppo Economico è arrivata nella serata di mercoledì, dopo che la nota dai toni forti diffusa dai delegai sindacali aveva spinto l’azienda di viale Brin a replicare. L’appuntamento al Mise è fissato per le 17 di lunedì 8 aprile per riprendere la discussione sul piano industriale dell’acciaieria di Terni. Al tavolo sono invitati il numero uno di Thyssenkrupp Italia Massimiliano Burelli, tutte le sigle sindacali, rappresentanti di Regione, Comune e Federmanager.

Garanzia Giovani Regione Marche, approvato il Piano di attuazione regionale
Approvato dalla giunta su proposta dell’assessore all’Istruzione, alla Formazione e al Lavoro, Loretta Bravi, il Piano di attuazione regionale per l’avvio della Nuova Garanzia Giovani – Programma Operativo Nazionale (PON) Occupazione Giovani dell’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro (ANPAL), per l’attuazione dell’iniziativa europea per un’offerta tempestiva di studio e lavoro rivolta ai giovani di età inferiore ai 29 anni che non lavorano, non studiano e non frequentano corsi di formazione, i cosiddetti neet. Alla Regione Marche, per l’attuazione del Programma sul territorio regionale, l’Anpal ha assegnato la complessiva somma di euro 12.341.503 da allocare nelle diverse Misure del Programma, ad esclusione della Misura 9 – Bonus assunzionale, che è gestita dall’INPS con risorse dedicate.

Prosciutto di Norcia IGP, nuovo progetto: territorio e persone ambasciatori della qualità
Il Consorzio di tutela durante un convegno a Nero Norcia ha affrontato i temi di una nuova strada da percorrere: dalla ricostruzione lo slancio per conquistare il mercato.
Il Consorzio di Tutela del Prosciutto di Norcia IGP (scopri quanto fatturano le aziende coinvolte) ha presentato le linee guida di un progetto che coinvolgerà tutta la filiera produttiva e che punterà alla valorizzazione delle caratteristiche del territorio, compreso come nei comuni di Norcia, Cascia, Preci, Poggiodomo e Monteleone di Spoleto. Le caratteristiche del progetto, sono state illustrate in occasione della 56esima edizione di ‘Nero Norcia’. “Identità ed innovazione: la tradizione del Prosciutto di Norcia IGP per il futuro” il tema dell’incontro moderato da Desy d’Addario di Linea Verde, aperto dall’intervento di Pietro Bellini, sindaco di Preci e presidente del Consorzio di tutela.

Experiencing FOOD & PET in programma il 18 aprile 2019

(Fonte: IoConosco.it, IoValuto.it) ___________________________________________________________________________________________________

Maggiori informazioni sull’ Annuario Economico Umbria-Marche 2019-2020

Programma 2019 Forum ESG89

L’articolo “Pillole” Umbria-Marche #12_2019 proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
“Pillole” Umbria-Marche #12_2019

Leave a Comment