Bilanci 2018: Amadori cresce del 3,8% rispetto al 2017

Ott 06, 2019 by gef in  Uncategorized

Sede Gruppo Amadori, San Vittore di Cesena (FC)

Il Gruppo Amadori, fondato nel 1969, è da decenni leader delle carni avicole in Italia e conta la collaborazione di oltre 7.800 persone; si dimostra ancora un colosso in crescita nel settore alimentare Italiano, passando a 1.255 milioni di euro di fatturato nel 2018, con una crescita pari al 3,8% rispetto al 2017 ed un incremento di 2,3 punti percentuali rispetto al 2017 anche per il margine operativo lordo, che ha raggiunto i 106 milioni di Euro.
Ottimo risultato raggiunto soprattutto grazie agli investimenti del gruppo, pari a circa 200 milioni di Euro in 4 anni, volti a sviluppare nuove filiere produttive, consolidare quelle esistenti, investire sui prodotti innovativi al fine di garantire al consumatore finale la più ampia scelta possibile.

Per conoscere i bilanci 2018 delle società italiane ed estere

Dopo 1 anno di Direzione Generale, Francesco Berti  ha ufficialmente assunto l’incarico di Amministratore Delegato.
Il presidente Flavio Amadori commenta così i risultati di bilancio: “Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti lo scorso anno, che confermano l’efficacia delle scelte prese.  Tutto questo è stato raggiunto grazie soprattutto ai vari processi di innovazione e ad un’ottima politica di marketing e commerciale orientata a migliorare sempre il livello dei nostri prodotti e per fornire un ottimo servizio ai nostri clienti.  Obiettivo è quello di continuare il percorso di sviluppo verso una moderna azienda alimentare, pronta ed in grado di soddisfare le varie richieste di un mercato che è in costante e veloce evoluzione”.

L’articolo Bilanci 2018: Amadori cresce del 3,8% rispetto al 2017 proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Bilanci 2018: Amadori cresce del 3,8% rispetto al 2017

Ioconosco.it, il migliore strumento per lo sviluppo commerciale

Gen 01, 1970

Immagina di voler replicare il tuo portafoglio clienti, identificare rapidamente e con precisione i tuoi migliori potenziali clienti, ottenere tutte le informazioni sulle aziende che ti interessano (numero di dipendenti, fatturato, organigramma aziendale, telefoni, ecc) ed avere accesso ai dati del mercato b2b a livello locale, nazionale e mondiale… il tutto in un’unica soluzione! Con IoConosco puoi!

IoConosco.it è la più potente piattaforma Big data per lo sviluppo commerciale presente oggi sul mercato che ti aiuta a segmentare e analizzare il mercato, pianificare e organizzare le campagne marketing&vendite e le attività di generazione lead.

I nostri dati includono più di 42 milioni di aziende in 70 paesi del mondo (di cui 7 milioni e mezzo solo in Italia) e gli aggiornamenti sono settimanali.
La modalità di navigazione è decisamente semplice ed adatta a tutti: ti offre la possibilità di selezionare tra più di 60 diversi criteri e hai a disposizione la classificazione Kompass, che è valida in tutto il mondo!

Ma le caratteristiche che rendono unica la nostra piattaforma non finiscono qui: chiama lo 075.5994 per ricevere tutte le informazioni o visita il sito www.ioconosco.it

 

Lo sviluppo commerciale non è mai stato così entusiasmante! Conoscere è semplice!

L’articolo Ioconosco.it, il migliore strumento per lo sviluppo commerciale proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Ioconosco.it, il migliore strumento per lo sviluppo commerciale

Marche: iscritte 523 imprese artigiane nel terzo trimestre 2018

Gen 01, 1970

Lo studio di Confartigianato Marche sui dati di Unioncamere-Infocamere

Le diminuzioni più consistenti sono nel manifatturiero

 

Nel terzo trimestre 2018 le Marche hanno attestato un aumento nelle registrazioni delle imprese artigiane: 523 contro le 479 attestate tra luglio e settembre 2017.

Considerando anche le 578 cessate non d’ufficio, sei in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e la situazione generale, il saldo del terzo trimestre 2018 è negativo per 65 punti.

I macrosettori maggiormente sofferenti sono stati il manifatturiero, in perdita di 33 imprese (-1,6%) e i servizi alle persone, con meno 20 imprese. Quest’ultimo dato nel 2017 aveva invece visto un saldo positivo, con l’iscrizione di 11 nuove imprese.

Calo anche nelle costruzioni, col -1,7% delle imprese registrate sul 2017.

La variazione complessiva delle imprese artigiane nelle Marche considerata al 30 settembre 2017 e al 30 settembre 2018 è del -1,3% (-1,9% nel 2017).

L’articolo Marche: iscritte 523 imprese artigiane nel terzo trimestre 2018 proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Marche: iscritte 523 imprese artigiane nel terzo trimestre 2018

Saper fare e saper creare: gli ingredienti dello sviluppo economico

Gen 01, 1970

Amenity values ago della bilancia dello sviluppo economico, ma che altro serve?

Gli amenity values sono quei fattori non strettamente economici che comprendono il capitale intangibile, come conoscenza, saperi diffusi, qualità della vita.

La piacevolezza di vivere e lavorare in un territorio è determinata anche dal tipo di sviluppo economico e industriale, dalla densità di popolazione, dalla presenza o dall’assenza di metropoli, dalle infrastrutture.

Genius loci e fattori economici concorrono ad attirare sul territorio risorse umane, capitali e attività produttive; se vengono mantenuti nel lungo periodo tale territorio può dirsi attrattivo.

Caratteristiche economiche e socioculturali non possono però essere considerate singolarmente, bensì è necessario guardare all’insieme e creare un sistema, una sinergia.

Per questo motivo saper creare un territorio attrattivo per i suoi amenity values non può contrapporsi  né sostituirsi al saper fare della sua realtà economica e imprenditoriale.

Il know how nasce e si innesta ancor meglio in territori ricchi di cultura, conoscenza diffusa, qualità della vita; saper creare e saper fare sono quindi strettamente correlati, complementari e volti ad un concreto sviluppo della comunità territoriale in modo armonico.

Il rapporto tra territorio e impresa è biunivoco: si è passati dallo sviluppo industriale che porta lavoro e benessere economico alla comunità di appartenenza all’interscambio che vede i territori apportare al mondo imprenditoriale fattori non solo economici.

Si supera il mero “sfruttamento” di forza lavoro e risorse naturali per passare ad un inserimento simbiotico che giova per molteplici aspetti ad entrambi gli attori.

La realtà imprenditoriale

Una recente analisi Mediobanca ha preso in considerazione i dati 2017 di 2075 imprese italiane di dimensioni medio-grandi, nello specifico tutte quelle sopra i 500 dipendenti ed il 20% di quelle tra 50 e 499 addetti.

Per la prima volta dopo quattro anni il campione cresce, aumentando i ricavi del 5,8% nel 2017; il fatturato aggregato è a -0,6% rispetto al 2008, quasi raggiunto quindi il livello pre-crisi.

Dall’analisi degli indici di sviluppo su livelli pre-crisi spicca un dato interessante: considerando fatturato, export e dipendenti emerge che l’unico settore a registrare tutti segni positivi è il IV capitalismo.

Con quarto capitalismo si intende il sistema delle imprese di media dimensione, ovvero tra 50 e 499 dipendenti; tale definizione serve a distinguerlo dal capitalismo originario dei grandi gruppi privati dei primi del Novecento (primo capitalismo), dal capitalismo pubblico (secondo capitalismo), dal capitalismo dei distretti industriali di reti di imprese specializzate di piccole dimensioni e territorialmente circoscritte (terzo capitalismo).

Le società del quarto capitalismo – anche definite multinazionali tascabili – si caratterizzano per la capacità di sfruttare i punti di forza di piccole e grandi imprese: la flessibilità delle prime e la proiezione internazionale delle seconde.

La sfida di oggi

I dati analizzati da Mediobanca rafforzano la consapevolezza che lo sviluppo economico non può più ignorare le realtà “a misura d’uomo”, ma deve piuttosto far leva su di esse che sono un punto di forza per attrarre capitali, risorse umane e imprese.

Un passo importante su questa strada è creare sinergie tra soggetti e territori affini, al fine di perseguire l’obiettivo comune di uno sviluppo sostenibile in quanto costante, coerente e non speculativo.
Non si tratta solo di etica che – seppur fondamentale – spesso viene messa in subordine rispetto agli interessi, bensì di ridare vita ad un solido sistema economico che affondi le radici nel know how territoriale e che distenda le proprie ramificazioni nel lungo periodo per un progresso foriero di benessere diffuso.

Il benessere della società è – come abbiamo visto – tra i fattori della crescita economica; si crea quindi un circolo virtuoso che mira a ridurre le disparità non solo per senso di giustizia, ma anche per interesse economico del tessuto imprenditoriale.

In questa direzione si muove il Glocal Economic Forum Perugia 2018, organizzato da ESG89 Group dall’11 al 13 ottobre per mettere in contatto i protagonisti economici del Centro Italia al fine di creare sinergie per una crescita comune.
Durante i tre giorni del più importante incontro economico dell’Italia centrale si susseguiranno dibattiti, confronti, forum, analisi e momenti formativi; interverranno e parteciperanno imprenditori, accademici, professionisti, rappresentanti delle istituzioni, del mondo associativo e del credito.

Per maggiori informazioni sul Glocal Economic Forum Perugia 2018 è possibile contattare la segreteria organizzativa e seguire l’hashtag #GlocalForum2018 sui social media.

 

Glocal Economic Forum Perugia 2018

11 ottobre, ore 09.30 – 13.00

Forum Inaugurale: La società, l’economia, il valore dei territori

11 ottobre, ore 14.30 – 18.00

Forum Economia: L’Umbria dei territori, le Marche, l’Italia

12 ottobre, ore 09.30 – 13.00

Forum Approfondimento: ANNUARIO ECONOMICO Umbria e Marche (a cura di ESG89 Group)

12 ottobre, ore 14.30 – 18.00

Forum Economia: Umbria e Marche, opportunità per lo sviluppo del territorio

13 ottobre, ore 09.30 – 13.00

Forum Turismo, Arte e Cultura: il territorio come vero brand – infrastrutture e strategie di marketing

L’articolo Saper fare e saper creare: gli ingredienti dello sviluppo economico proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Saper fare e saper creare: gli ingredienti dello sviluppo economico

Leave a Comment