Banca Macerata: crescita costante di volumi e utili

Mar 05, 2019 by gef in  Uncategorized

“E’ stato un anno difficile, ma lo abbiamo superato con slancio” commenta così Ferdinando Cavallini, presidente Banca Macerata il bilancio appena approvato.
Il bilancio 2018 appena depositato evidenzia infatti un forte incremento dell’utile da cui ne son derivati nuovi posti di lavoro per il 17,8%, apertura di punti consulenza, all’aumento del 4,7% della raccolta complessiva da clientela, riduzione del 13% dell’incidenza dei costi operativi sul margine di intermediazione e, punto da non tralasciare, un dividendo agli azionisti.

Tutti questi numeri hanno permesso di attestare l’utile a 2,3 milioni di Euro, in aumento del 40% rispetto al 2017. Grande merito per questo risultato è dovuto anche dall’aumento del 17,2% del margine di interesse e del 19,6% delle commissioni nette.
Sempre Ferdinando Cavallini commenta questi dati – Molto importante è stato anche il dato del Roe (corretta remunerazione del capitale bancario) che si è attestato al 6,7% e che ci ha permesso di distribuire un dividendo dell’ 1,30% del valore nominale delle azioni agli azionisti, e questa è la percentuale più elevata mai divisa”.

Il 2018 ha visto anche molti cambiamenti all’interno della Banca Macerata, che hanno indubbiamente portato a questi dati. Afferma infatti Rodolfo Zucchini, direttore generale Banca Macerata “E’ stato un anno importante con il cambio della denominazione in Banca Macerata spa, il cambio di tutti i vertici aziendali e con il rinnovo delle cariche sociali”.
E gli obiettivi futuri? Il Presidente Cavallini conclude così il suo intervento: “Una banca territoriale  come la nostra deve dare in primis un valore aggiunto per gli azionisti, essere vicina al territorio e favorire l’occupazione giovanile, e stiamo lavorando proprio per questo. Inoltre, sono già in corso i lavori per la nuova sede amministrativa e dirigenziale e che sarà di circa 2000 metri quadrati.

Vorrei inoltre sottolineare che operazioni come quelle di Serrapetrona e Fiuminata potranno avere un seguito nel caso in cui ci fossero popolazioni abbandonate da servizi bancari come accaduto in quelle due circostanze.”

L’articolo Banca Macerata: crescita costante di volumi e utili proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Banca Macerata: crescita costante di volumi e utili

Occupazione: da Bruxelles i dati del secondo trimestre del 2018

Dic 09, 2018

Eurostat comunica il dato sulla crescita dell’occupazione nell’eurozona, che nel secondo trimestre del 2018 ha visto un incremento dello 0,4% rispetto al primo trimestre del 2017.

Lo studio ha registrato 158 milioni di occupati nell’eurozona e 238,9 milioni nell’Ue, dalle quali è emersa una crescita su base annua rispettivamente del +1,5% e del +1,4%.

Per quanto riguarda l’Italia, il dato sull’occupazione è in ascesa, col +0,5% nel secondo trimestre 2018, con il +0,2% nel primo e lo +0,9% su anno.

Dopo gli scoraggianti dati economici OCSE sulla crescita del PIL e Istat sulla fiducia di cittadini ed imprese, arriva quindi uno spiraglio di luce. Ma non è abbastanza, sono necessarie strategie strutturali per una crescita costante e sistemica.

Anche di questo si parlerà durante il Glocal Economic Forum ESG89 – Perugia 2018, il più grande incontro economico del Centro Italia che si svolgerà dall’11 al 13 ottobre.

 #GlocalForum2018

Glocal Economic Forum ESG89 – Perugia 2018

11 ottobre, ore 09.30 – 13.00

Forum Inaugurale: La società, l’economia, il valore dei territori

11 ottobre, ore 14.30 – 18.00

Forum Economia: L’Umbria dei territori, le Marche, l’Italia

12 ottobre, ore 09.30 – 13.00

Forum Approfondimento: ANNUARIO ECONOMICO Umbria e Marche (a cura di ESG89 Group)

12 ottobre, ore 14.30 – 18.00

Forum Economia: Umbria e Marche, opportunità per lo sviluppo del territorio

13 ottobre, ore 09.30 – 13.00

Forum Turismo, Arte e Cultura: il territorio come vero brand – infrastrutture e strategie di marketing

L’articolo Occupazione: da Bruxelles i dati del secondo trimestre del 2018 proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Occupazione: da Bruxelles i dati del secondo trimestre del 2018

ANALISI E NUMERI DALL’ANNUARIO ECONOMICO DELLE MARCHE 2019-2020

Gen 01, 1970

SOTTO LA LENTE LE TOP 1000

Giovanni Giorgetti (ESG89)«Fatturato e utile netto aggregato in crescita fra le top 1000 regionali. Puntare sulla managerialità delle medie imprese per rafforzarne il posizionamento strategico»

Sono 570 le società in classifica nell’ANNUARIO ECONOMICO DELLE MARCHE 2019-2020 in distribuzione proprio in questi giorni fra gli attori economici regionali, che hanno registrato un fatturato compreso fra i 10 e i 50 milioni. Costituiscono la spina dorsale dell’economia marchigiana e sulle quali quest’anno si è concentrata l’attenzione del Centro Studi Economico e Finanziario ESG89 di Perugia che da oltre 25 anni realizza la collana editoriale. Di queste, 204 hanno la sede legale in provincia di Ancona, 128 in quella di Pesaro Urbino, 109 a Macerata, 65 a Fermo e da ultimo 64 nella provincia di Ascoli Piceno. Solo 42 hanno registrato una perdita di esercizio. Mentre 131 sono più che milionarie in termini di utile netto: dei veri e propri campioni imprenditoriali.

I comparti più numerosi sono rappresentati dal commercio al dettaglio e all’ingrosso con 114 società, seguito dalla meccanica con 92, dal cuoio-pelle con 45, agroalimentare con 44, gomma plastica con 37, i trasporti con 34 e l’elettronico con 33 compagini.

Anche sotto il profilo della patrimonializzazione il campione delle medie-imprese marchigiane rappresenta dati confortanti: oltre 200 società registrano un dato superiore ai 5 mln di euro.

Nell’ANNUARIO ECONOMICO DELLE MARCHE 2019-2020 è inoltre pubblicata la tradizionale classifica per fatturato.

ARISTON THERMO SPA conferma la prima posizione con 1.569.739.000 euro, seguita dal colosso della moda TOD’S SPA con 963.287.000 euro e al terzo la società guidata da Luca, Barbara e Laura Gabrielli, MAGAZZINI GABRIELLI SPA con 687.172.655 euro. In quarta posizione l’altro big della grande distribuzione organizzata CONAD ADRIATICO SOCIETA’ COOPERATIVA guidata dal Direttore Generale Antonio Di Ferdinando con 647.184.405 euro a seguire PROFILGLASS SPA la società fondata a Fano nel 1982 dai fratelli Giancarlo e Stefano Paci, con 554.079.465 euro e BIESSE SPA con 454.456.000 euro.

Nella gerarchia per utile netto sul podio spicca ancora la leadership della società guidata da Paolo Merloni ARISTON THERMO SPA con 82.589.000 euro, a seguire TOD’S SPA con 69.362.000 euro e PROFILGLASS SPA con 40.001.060 euro. In quarta posizione la BIESSE SPA con 38.812.000 euro seguita dalla pesarese MARCHE MULTISERVIZI SPA con 29.747.951 euro e dalla HSD SPA di Gradara con 19.496.000 euro.

«Scorrendo la classifica delle top 1000 delle Marche per fatturato sono 228 le società milionarie per utile netto – commenta Giovanni Giorgetti Ceo di ESG89 Group editore dell’ANNUARIO ECONOMICO – mentre soltanto 72 (7,2%) chiudono l’esercizio in perdita. Nel dato aggregato sia il fatturato che il risultato di esercizio nella comparazione 2016/2017 risulta in crescita. Crisi alle spalle dunque? Direi proprio di no. L’economia marchigiana e alcuni suoi distretti storici rappresentano ancora situazioni molto delicate soprattutto dal punto di vista occupazionale. L’internazionalizzazione, Industria 4.0 e la digitalizzazione hanno consentito ai protagonisti imprenditoriali marchigiani di riposizionarsi egregiamente. Ora, soprattutto per la media impresa regionale è arrivato il momento di affrontare il delicato tema della managerialità per poter diventare più strutturati e potenzialmente più appetibili agli occhi degli investitori italiani ed esteri. La criticità del passaggio generazionale, inoltre, va superata con l’inserimento in azienda di figure in grado di avere una visione globale che possa così mettere le stesse al riparo dalle future e possibili turbolenze dei mercati».

_____________________________________________________________________________________________________

Maggiori informazioni sull’ Annuario Economico Umbria-Marche 2019-2020

Programma 2019 Forum ESG89

 

L’articolo ANALISI E NUMERI DALL’ANNUARIO ECONOMICO DELLE MARCHE 2019-2020 proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
ANALISI E NUMERI DALL’ANNUARIO ECONOMICO DELLE MARCHE 2019-2020

Rigoni di Asiago srl, sottoscritto l’accordo per l’acquisizione di una partecipazione pari al 42,7% del capitale sociale

Gen 01, 1970

L’investimento è finalizzato a sostenere una nuova fase di crescita incentrata sullo sviluppo internazionale

Rigoni di Asiago S.r.l. (Rigoni)  è stata informata dal proprio socio di maggioranza Giochele S.r.l. (Giochele), holding di partecipazioni della famiglia Rigoni, è stato sottoscritto un accordo (I’Accordo) avente ad oggetto l’ingresso di Kharis Capital, tramite il veicolo lussemburghese KC Next Food S.c.a. (Kharis Capital), come socio di minoranza nel capitale di Rigoni.

L’Accordo prevede l’ acquisto da parte di Kharis Capital dell’intera partecipazione del capitale sociale di Rigoni detenuta da Neuberger Berman AIFM Limited, nella sua qualità di gestore di Fondo Italiano d’Investimento, pari al 35,55%, e di un’ulteriore quota della partecipazione nel capitale sociale di Rigoni detenuta dal socio Giochele (collettivamente , le Acquisizioni).

L’Accordo prevede inoltre che, contestualmente al perfezionamento delle Acquisizioni, Kharis Capita} sottoscriva un aumento di capitale di Rigoni per un importo pari a 10 milioni di euro, che sarà interamente sottoscritto e liberato in pari data (congiuntamente alle Acquisizioni, l’Operazione). I fondi rinvenienti da tale aumento di capitale saranno destinati a dare nuovo impulso alla crescita futura di Rigoni, in particolare attraverso l’ accele razion e dello sviluppo internazionale .

All’esito dell’Operazione, il capitale sociale di Rigoni sarà detenuto per una quota pari al 57,3% da Giochele e per una quota complessiva pari al 42,7% da Kharis Capital.

Il corrispettivo per le Acquisizioni sarà interamente corrisposto da Kharis Capital alla data di esecuzione dell’Operazione, prevista entro 15 giorni dalla sottoscrizione dell’Accordo.

Kharis Capital è un primario operatore finanziario focalizzato su investimenti a lungo termine in mercati consumer, con una consolidata esperienza ed un ampio network internazionale nel mondo food & beverage e della grande distribuzione. La partnership con Kharis Capital è basata sulla condivisione di obiettivi a medio-lungo termine e sulla comunanza di valori con la famiglia Rigoni.

A testimonianza dell’impegno allo sviluppo di lungo periodo della società, i soci di Rigoni, Giochele e Kharis Capital sottoscriveranno un patto parasociale volto a regolare la governance di Rigoni e il trasferimento delle partecipazioni in Rigoni.

L’Operazione verrà perfezionata da parte di Kharis Capital esclusivamente mediante l’utilizzo di mezzi propri.

L’esecuzione dell’Operazione non è assoggettata a nessuna condizione sospensiva ovvero risolutiva.

Kharis Capital non è parte correlata di Rigoni, di Giochele ovvero del Fondo Italiano d’Investimento.

La famiglia Rigoni è stata assistita da Corus Corporate Finance S.p.A. in qualità di advisor finanziario e dallo studio Simmons & Simmons per i profili legali.

Rigoni è stata assistita da ACube Advisory & Investments in qualità di consulente finanziario.

Kharis Capital è stato assistito dallo studio Chiomenti per i profili legali.

Neuberger Berman AIFM Limited è stato assistito da Banca Imi in qualità di advisor finanziario e dallo studio Lombardi Segni e Associati per i profili legali.

Rigoni è leader italiano nel mercato delle confetture con il marchio Fiordifrutta e ai primi posti in quello del Miele (Mielbio) e delle creme spalmabili (Nocciolata). Ha inoltre lanciato una linea di succhi di frutta dalle caratteristiche innovative (Tantifrutti).

L’articolo Rigoni di Asiago srl, sottoscritto l’accordo per l’acquisizione di una partecipazione pari al 42,7% del capitale sociale proviene da CUORECONOMICO.

Source: MEDIAPRESS CE
Rigoni di Asiago srl, sottoscritto l’accordo per l’acquisizione di una partecipazione pari al 42,7% del capitale sociale

Leave a Comment